Comunicazione: come si è evoluta nel tempo?

Siamo tutto d’accordo che l’evoluzione della comunicazione nel tempo, ha portato ad avere differenti tipi e strumenti di espressione.

La comunicazione è insita nella vita.
Non comunicare è impossibile, già solo per il fatto di esistere si comunica.
Il parlare, gesticolare, scrivere, creare contenuti online, pubblicare un articolo, telefonare sono solo alcuni dei tanti modi di esprimersi.

Prendendo atto di questo, dobbiamo cercare di comunicare nella migliore maniera possibile, per arrivare al fine, che è sempre lo stesso: TRASMETTERE UN MESSAGGIO.

Se ripensiamo a quanto sia semplice oggi far arrivare un messaggio in Cina , in America o in qualsiasi altra parte del mondo ci sembra quasi un’utopia pensare che in passato l’unico modo per comunicare con una persona lontana era quello di prendere un foglio di carta e di scrivere una lettera, e non si era neanche così certi che questa fosse arrivata – almeno finché non si riceveva la risposta.

Fortunatamente questo metodo è solo un bel ricordo per i nostalgici, infatti  oggi, grazie alle mail, alle chat, ai social network, ai mass media e contenuti video possiamo comunicare molto più facilmente, istantaneamente.

Questo cambiamento ha portato a quella che possiamo definire una vera e propria  “rivoluzione digitale ” e i pionieri di questo cambiamento sono in primo luogo i ragazzi della Generazione Z.

L’evoluzione della comunicazione: cosa c’è da sapere?

Secondo uno studio c’è stata una crescita enorme del video social per giovanissimi . Grazie agli strumenti audio-video i ragazzi sono in grado di realizzare comunicazioni d’impatto e quindi di catturare velocemente l’attenzione e il massimo interesse dell’ interlocutore.

Oggi YouTube conta miliardi di visite al giorno; Facebook , Instagram,tik tok sono ugualmente molto utilizzati per guardare dei contenuti video e per condividerli. Questo ci fa capire come procede l’evoluzione della comunicazione e quanto siano diventati importanti questi strumenti, come il Video editing, che oggi, risulta l’ideale per raccontare la propria identità nel mondo digitale.

Se ci pensiamo bene, noi stessi preferiamo vedere un video piuttosto che leggere un lungo articolo. Ciò rappresenta, appunto, l’evoluzione della comunicazione. Il mondo è cambiato e con esso anche il nostro modo di esprimerci, di comunicare di esternare le nostre emozioni.

Grazie ai video, è possibile comunicare in maniera chiara e semplice e trasmettere il proprio messaggio senza interferenze. Un‘innovativa forma di espressione che consente, non solo la possibilità di esternare ciò che i ragazzi provano ma anche di sviluppare le competenze, soft skills, che oggi sono richieste nel mondo del lavoro. Quindi è giusto limitare il progresso comunicativo?

Cosa possono fare gli adulti? Come tutelarsi?

aiutare-bambini-tecnologie-comunicazioneNon dovremmo combattere il cambiamento, ma comprenderlo e sfruttarlo a nostro favore. Oggi il digitale è entrato nel nostro mondo, e i ragazzi più di noi, hanno fatto proprio questo strumento. Bloccare il progresso è impossibile, questi strumenti fanno parte delle nostre vite e la soluzione non è criticarli o impedirne l’utilizzo. La tecnologia, il progresso, sono nostri alleati e non nemici. Siamo di fronte ad un nuovo modo di ragionare, esprimersi e muoversi in un mondo, quello digitale, che è pieno di opportunità. In questo contesto gioca un ruolo fondamentale l’educazione e l’esempio degli adulti. Sia genitori che insegnanti, non dovrebbero restare distanti e analfabeti digitali, ma guidare i ragazzi verso la comprensione e l’uso corretto del web. Internet è un vero e proprio ambiente, sia sociale che cognitivo che emotivo in cui i giovani esprimono se stessi e i loro sentimenti. Tenere conto di questo è importante se vogliamo comprenderli aiutarli a muovere i passi all’interno di questo mondo che presenta dei rischi ma tante nuove opportunità.
La nostra missione
Sono molte le istituzioni che si stanno focalizzando sulle tecnologie e discipline STEM.
Lo stesso MIUR, ha dato il via a diversi bandi nazionali per spingere sull’apprendimento e l’insegnamento delle competenze digitali.
Questa è la mission di STEM@it, ente di formazione di Pescara nato per diffondere il valore delle nuove tecnologie.
Offre, infatti, laboratori doposcuola, workshop e corsi online per dare la possibilità a tutti, adulti, docenti e studenti, di connettersi ad un mondo sempre più digitale.

Utilizza una metodologia learning by doing, che permette di imparare giocando/facendo. L’esempio eclatante è, appunto, il corso su Youtube (età 11+).

STEM@it farà partire prossimamente un corso online dedicato al canale più cool del momento. La differenza, però, è che attraverso questo corso, i ragazzi entreranno a conoscenza di specifiche tecniche per realizzare video. Analizzeranno e studieranno la struttura, gli strumenti da usare e lo sviluppo in ambito Video Editing. Ciò che STEM@it fa è trasformare un gioco, un hobby, un semplice canale social, in molto di più. Facendo conoscere, non solo la parte divertente ma anche la parte istruttiva.
Scopri di più sui nostri corsi online.

Sei appassionato di video editing? Tuo figlio o tuo nipote lo sono? Scopri di più qui ed affrettati, i posti sono limitati!