Lavoro e digitalizzazione: quali sono le competenze necessarie per il futuro?

Al giorno d’oggi, la Tecnologia, madre dell’innovazione, ha dato inizio a quella che molti definiscono “la quarta rivoluzione industriale”.
Ed è, infatti, il fattore principale del grande cambiamento a cui stiamo assistendo.
Proprio per questo, spesso ci chiediamo quali siano le competenze necessarie per il futuro in ambito lavorativo per restare al passo.

Il lavoro sta subendo una vera e propria evoluzione quindi è fondamentale aggiornare e sviluppare le proprie capacità. Così da riuscirsi a muovere in questo nuovo ed instabile ambiente lavorativo.
Tra i vari fattori di questo cambiamento, il primo è la digitalizzazione che non solo porta una ventata di novità ma anche nuove professioni.

Allora, di cosa abbiamo bisogno?

Innanzitutto, bisogna avere la capacità di comprendere e spaziare in più ambiti riuscendo a fare collegamenti tra diverse discipline. Questo è possibile solo con un continuo apprendimento ed aggiornamento, non bisogna mai smettere di essere curiosi, di imparare.
Solo così si possono fronteggiare i cambiamenti, non solo in ambito lavorativo ma nella vita di tutti i giorni.

Grazie a World Economic Forum , è stato possibile individuare le competenze necessarie da avere nel XXI secolo.
Esse, corrispondono alla combinazione tra le discipline STEM (Scienza, Tecnologia, Ingegneria e Matematica), legate al pensiero logico-razionale, e le competenze interpersonali.

Sono state individuate 8 Skills principali, di cui le persone hanno bisogno per restare al passo ed avere successo nell’attuale mondo.

Le competenze necessarie per il futuro

skills-per-futuro-lavorativo

Problem solving: tra le prime capacità c’è quella di saper risolvere un problema, con la giusta intuizione e determinazione. E’ l’insieme dei processi che analizzano un problema per escogitare la soluzione giusta il più veloce possibile. Gestire e sviluppare nuovi modi di agire per superare gli imprevisti.

Pensiero critico: è osservazione ed ascolto. Si tratta di elaborare un pensiero caratterizzato da analisi e valutazione, raccogliendo informazioni da diversi fattori come: osservazione, esperienza, ragionamento e comunicazione.
E’ la capacita di costruire un proprio pensiero logico e razionale e delle conclusioni personali, analizzando i dati che si hanno e senza l’influenza di fattori esterni.

Creatività: è una capacità che va oltre le conoscenze tecniche. Si tratta di aprire la mente e uscire dagli schemi tramite idee originali, utili. Da una buona idea può nascere tutto!

Competenze digitali base: insieme di abilità tecnologiche che consentono di individuare, valutare, utilizzare, condividere e creare contenuti utilizzando le tecnologie informatiche e Internet.

Competenze interpersonali

Organizzative e realizzative: è la capacità di definire piani ed obiettivi da raggiungere per ottenere i giusti risultati. E’ fondamentale saper gestire il tempo, essere puntuali con le scadenze, stabilire le priorità e cambiarle se necessario.
E qui si arriva a parlare anche di Team. Una delle capacità più richieste, è saper organizzare il lavoro insieme ad altre persone, con altre idee, talvolta in contrasto con le proprie. Ciò significa trovare un’equilibrio tra il proprio contributo e rinunciare al protagonismo, affinché si riesca a raggiungere un risultato comune, di squadra.

Capacità di giudizio: bisogna valutare attentamente le opzioni che si hanno e, solo dopo, scegliere. E’ la capacità di prendere decisioni strategiche nel momento opportuno e, per poterlo fare, bisogna riflettere, evitando scelte dettate dall’impulso.

Flessibilità ed Adattamento: saper cambiare e gestire la mentalità ed il lavoro da fare quando cambiano contesti e situazioni attorno a noi. Saper adottare comportamenti diversi in base al cambiamento che si presenta.
E’ una delle competenze più importanti in questo momento, dato che il mondo sta cambiando e sono sempre di più le innovazioni che stravolgono la quotidianità.

Negoziazione: è la capacità di attuare una strategia per riuscire a trovare un accordo su un’interesse comune tra più persone con motivazioni, idee e bisogni diversi.